Teatro Ragazzi - Lo gnomo e il folletto dispettoso

Domenica 17 Febbraio 2019 ore 17.00

Lo gnomo e il folletto dispettoso

I Guardiani dell'oca – Guardiagrele (Ch)

con Tiziano Feola, Giuseppe Di Simone, Eliana De Marinis

Testo e regia Zenone Benedetto

La favola, che si ispirata alle tradizioni fantastiche delle popolazioni nordiche, propone un divertente viaggio nel mondo affascinante degli Gnomi, degli Elfi e dei Folletti. Tra colpi di scena, effetti sonori e apparizioni, il pubblico sarà coinvolto totalmente nella trama del racconto.

Tecnica mista: attori e burattini - Durata 50 minuti. Età consigliata: 3/10.

Biglietti in vendita presso il botteghino del teatro 15 e 16 febbraio (16.30/19.30) il 17 febbraio dalle 15.30

Leggi tutto...

PRIMAVERA IN FIABA 2019

  • Pubblicato in Notizie

PRIMAVERA IN FIABA 2019
#TeatroRagazzi al Teatro Comunale Fedele Fenaroli
Campagna Abbonamenti anche online su
https://www.i-ticket.it/eventi/primavera-in-fiaba-teatro-fedele-fenaroli-lanciano

Abbonamento € 20 / Singolo Spettacolo 6€

Domenica 17 febbraio ore 17.00
Lo Gnomo e il Folletto Dispettoso
I Guardiani dell'Oca Abruzzo Tucur Teatro - Guardiagrele

Domenica 3 Marzo ore 17.00
Hansel e Gretel
Teatro Stabile d'Abruzzo / Fantacadabra Teatro - L’Aquila

Domenica 31 Marzo ore 17.00
Pi..Pi..Pinocchio
Tieffeu Teatro - Perugia

Domenica 7 Aprile ore 17.00
Robin Hood nel Castello di Nottingham
I Guardiani dell'Oca Abruzzo Tucur Teatro - Guardiagrele

Biglietti in vendita presso il botteghino del teatro a partire da 2 giorni prima di ciascuno spettacolo (16.30/19.30) e il giorno dello spettacolo dalle 15.30

Leggi tutto...

Teatro Ragazzi - Robinson Crusoe

Domenica 11 marzo 2018 ore 17:30

ROBINSON CRUSOE
l’avventura

Compagnia Teatro Pirata

Un’interessante collaborazione artistica che porta sul palco una struttura in continua evoluzione, una musica coinvolgente e due attori, narratori-animatori, le cui abili mani daranno vita alle due marionette protagoniste in scena, Robinson e Venerdì.
Ideazione e scrittura: Simone Guerro, Silvano Fiordelmondo, Francesco Mattioni
Regia: Simone Guerro
Con: Silvano Fiordelmondo, Francesco Mattioni
Musiche originali: Simone Guerro
Scenografie: Frediano Brandetti
Tecnica Utilizzata: Teatro d'attore e di figura

Il primo romanzo di avventura della letteratura moderna rivive sul palco grazie a uno spettacolo divertente e dolce allo stesso tempo. Un giovane ragazzo inglese, Robinson Crusoe, lotta contro tutti gli ostacoli che la vita gli presenta (e saranno molti!) per conquistare il suo sogno più grande: essere un marinaio ed esplorare il mondo. Ci riuscirà, ma come ogni impresa grandiosa, il prezzo da pagare sarà enorme, gli imprevisti moltissimi e la ricompensa immensa: essere un uomo libero!
Siamo nel 1630, Robinson all'età di 19 anni decide di lasciare la sua agiata famiglia contro il parere del padre. La sua avventura inizia con un naufragio, ma il giovane non si dà per vinto e decide nonostante il parere contrario del capitano della nave di imbarcarsi nuovamente, alla ricerca della sua libertà. Dopo quindici giorni di navigazione, il sogno di diventare un vero marinaio si spezza in un terribile naufragio che lo lascerà solo su di una isola in mezzo all'oceano. Si dedicherà in solitudine a costruire il suo mondo e la sua vita finché, dopo 20 anni, un uomo a cui darà il nome di Venerdì approda sull'isola. Da quel momento la sua vita cambia, finalmente qualcuno con cui parlare, qualcuno a cui insegnare. Dopo 23 anni passati sull'isola ecco una nave approdare. Robinson finalmente potrà tornare a casa portando con sé Venerdì che però si rifiuterà di seguirlo, vuole essere libero, libero di decidere dove andare. Robinson nella scena finale prende coscienza che non può imporre a Venerdì la sua volontà, e che se vuole veramente essere un uomo libero deve lasciare l'amico, libero di scegliere, della sua vita.

Il Teatro Pirata si cimenta con un grande romanzo e lo fa affidando i suoi attori più anziani ad un giovane regista, Simone Guerro, nonché autore delle musiche e affidando la scenografia all'artista Frediano Brandetti.
Un’interessante collaborazione artistica che porta sul palco una struttura in continua evoluzione, una musica coinvolgente e due attori, narratori-animatori, le cui abili mani daranno vita alle due marionette protagoniste in scena, Robinson e Venerdì.

Info biglietteria: 338.3784276 

Fascia di età: 6-12 anni
Durata: 60 minuti

Leggi tutto...

Teatro Ragazzi - Ventimila leghe sotto i mari

Domenica 18 Febbraio 2018 ore 17:30

VENTIMILA LEGHE SOTTO I MARI

Teatro Potlach

Dal famosissimo testo di Jules Verne uno spettacolo dal forte impatto visivo che si farà apprezzare sia da un pubblico di bambini che da un pubblico adulto.

Vincitore del bando "CREARR" della Provincia di Rieti. Vincitore del "BEST ACTRESS PRIZE" assegnato a Nathalie Mentha al 30th "Fadjr International Theatre Festival" in Tehran (Iran).

L'ultima produzione del Potlach nasce dall'idea di far convivere la trentennale esperienza del Teatro nell'affrontare il lavoro sull'attore e la sua presenza in scena, con le più moderne e sofisticate tecnologie digitali e di illuminotecnica.

Gli attori sono letteralmente "immersi" in uno scenario magico, quasi onirico, di proiezioni digitali e luci LED di ultima generazione, e porteranno lo spettatore con sé alla scoperta delle profondità marine e del misterioso Nautilus del Capitano Nemo.

Info biglietteria: 338.3784276

Regia: Pino Di Buduo
con: Daniela Regnoli
Nathalie Mentha
Paolo Summaria | Marcus Acauan
Marcus Acauan| Irene Rossi
Giovanni Di Lonardo | Alessandro Conte | Luca Di Tommaso
Luci e Scenografia: Luca Ruzza
Assistente alla scenografia: Andrea Adriani
Costumi e Trucco: Laura Colombo
Assistenza alla Regia: Zsofia Gulyas
Scenografia Virtuale: AESOPSTUDIO Stefano Di Buduo | Momchil Alexiev

 

Leggi tutto...

Teatro Ragazzi - PETER PAN

Domenica 14 Gennaio 2018 ore 17:30

PETER PAN

Ass. Cult. Molino d’Arte

liberamente tratto dall’opera di James Matthew Barrie

Personale artistico: Filippo Giordano, Nicola Cifarelli, Angela Borromeo, Adriana Coletta.

Regia: Antonello Arpaia

Testo: Antonella Petrera

Info biglietteria: 338.3784276

La capacità di Wendy di raccontare storie tiene in scacco Uncino e Spugna. L’amicizia di Wendy e Peter è un’oasi di bellezza in mezzo ai mille impegni di cui gli adulti circondano i bambini. Il rifugio nella fantasia diventa per Wendy vitale. Un’ avventura in cui le scelte personali e la creatività conducono verso un quotidiano che può diventare fantastico a qualsiasi età. Comicità e avventure, effetti scenici e suggestioni immaginarie conducono lo spettatore in un viaggio favoloso, in situazioni inconsuete e paradossali nelle quali è facile riconoscere sé stessi, e personaggi che entrano a far parte dell’immaginario fin dalla tenera infanzia.

Sulla base dell’originale testo inglese le scene calano i protagonisti in situazioni di difficoltà e li inducono a cercare alleati, a scegliere di crescere valorizzando la fantasia per la costruzione della propria identità. Il superamento di una fase elementare del rapporto di amicizia conduce verso una appartenenza piena all’altro, rispettando e amando i suoi difetti, le sue debolezze e le differenze valorizzandole.

L’utilizzo di brevi battute dalle parole semplici introduce il giovane spettatore alla magia di una storia raccontata scenicamente e lo invita a fare il tifo per i buoni. Buffi oggetti scenici accompagnano il ritmo e il procedere della storia in un respiro narrativo adatto al più piccolo e al più grande.

Durata spettacolo: 60 minuti
Età di riferimento: dai 4 anni in poi

Leggi tutto...

RECENSIONE SPETTACOLO “SEI GRADI” di Giobbe Covatta

A digiuno di recensioni e di informazioni sulla materia dello spettacolo, il titolo poteva avere mille significati diversi. Di fatto però lo spettacolo è incentrato sul noto problema del surriscaldamento globale, su cui da parecchi anni l’umanità dibatte. Questi sei gradi non sono nient’altro che l’aumento di temperatura che il nostro pianeta non dovrà raggiungere se ci teniamo alla nostra vita. Sì, perché con sei gradi in più sul nostro pianeta si estinguerebbero tutte le forme di vita. L’autore e protagonista dello spettacolo ha lasciato intendere molto bene questa estrema ipotesi. Ha impostato lo spettacolo in un racconto di quella che fu la Terra negli anni precedenti al 2100. Un tuffo in un’ epoca che non conosceremo noi, né tantomeno i nostri figli e nipoti se gli abitanti del mondo non cambieranno i propri stili di vita.

Il racconto avanzava gradualmente nel tempo in parallelo con il graduale aumento della temperatura, di uno, due, tre gradi, fino ad arrivare a sei con la fine dell’umanità. Ad ogni innalzamento della temperatura l’attore descriveva la situazione del pianeta e dei suoi abitanti con riferimenti scientifici, intervallati da una irresistibile comicità volta a sdrammatizzare e a rendere più piacevole quello che era in realtà un ipotetico viaggio dell’orrore. La satira faceva da protagonista accompagnata da un irriverente umorismo tutto originale, fatto anche di dialogo con il pubblico, che sembrava aver apprezzato di buon grado lo spettacolo. Riferimenti significanti sono stati fatti alle situazioni politiche che caratterizzano l’occidente e l’oriente, il settentrione e il meridione e al modo in cui esse hanno accentuato il declino del pianeta.

 

Spettacolo molto profondo e al contempo esilarante, combinato in maniera egregia da Giobbe Covatta che è riuscito a sollevare un tema di cui, per certi versi, se  ne dibatte fin troppo, catapultandolo nella gremita sala del Cinema Maestoso in maniera comica, così da renderlo più appetibile e comprensibile. Il suo modo di spiegare alcuni concetti non è stato in stile documentario, ma vivace,  proprio come lo spettacolo teatrale. Ed è forse questa la chiave che ha reso tutto così interessante: il fatto che avvenisse “in diretta”. La comicità ha condito il tutto con un senso di spensieratezza che però ha fatto arrivare i concetti-chiave senza disperderli in una vana risata. Lo spettacolo è stato insomma accattivante ed è riuscito a toccare  le menti, e perché no anche i cuori, di tutti coloro che non si sono fermati alle battute di spirito. 

Leggi tutto...

Teatro Ragazzi - Mimmo e piccolo - SALA MAZZINI

Domenica 23 marzo ore 17.30 Sala Mazzini

Teatro Ragazzi  La bella e la bestia  MIMMO E PICCOLO

con Lino Terra, Nicoletta Briganti, Natascia Zanni - musiche Gustavo Capitò - regia Lino Terra
3 - 8 anni - teatro di figura

Ultimo appuntamento con A teatro con mamma e papà, programmazione stagionale di spettacoli domenicali per i ragazzi e per le famiglie ideata e curata dal Teatro Stabile di Innovazione L’Uovo in collaborazione con l’Amministrazione Comunale.

A seguito della chiusura temporanea del Teatro “Fenaroli”  lo spettacolo si terrà alla Sala Mazzini con consueto inizio alle ore 17.30; lo spettacolo "La bella e la bestia” è stato sostituito con "MIMMO E PICCOLO".

E’ lo spettacolo più rappresentato della Compagnia, quello che meglio di ogni altro si adatta all’attenzione e alla comprensione dei bambini, rispettandone la sensibilità e stimolandone la fantasia.
La storia si articola su di una struttura scenica molto semplice ma altrettanto efficace nel riprodurre gli stessi meccanismi di associazione di idee e di immagini da sempre presenti nei giovani spettatori.
Piccolo è un burattino molto...piccolo. La sua piccola storia è racchiusa all’interno di uno spazio che lo vede nascere e vivere e scoprire tutto quanto c’è da scoprire. Come in un quaderno dove i bambini disegnano le loro storie ed i loro personaggi, il mondo di Piccolo è tutto da inventare e da riempire, da colorare e da completare. La sua vita è un foglio di carta bianca e pulita dove tutto può accadere; è sufficiente disegnarvi il mare perché su quel mare Piccolo possa navigare e poi naufragare ed infine salvarsi su di una piccola isola che lo accoglierà bagnato ed impaurito. Con Piccolo gioca un “grande”: Mimmo.
Mimmo è un grande un po’ buono e un po’ cattivo, un po’ simpatico e un po’ no; un grande non si aspettava un compagno così...piccolo e che qualche volta non sa resistere alla tentazione di dimostrarsi più forte e più importante dell’altro. Tra i due si sviluppa così un rapporto continuo, ora pacifico e sereno, ora costruito su piccole ripicche e dispetti, a volte anche di rabbia, ma che si concluderà alla fine con una inevitabile collaborazione fra i due unici protagonisti e antagonisti della storia. Scenicamente lo spettacolo è costituito da uno spazio-teatrino dove Piccolo vive la sua storia e dove Mimmo gli disegna o gli porge semplici ed usuali oggetti che ambientano o modificano le sue vicende. I due comunicano tra loro e con il pubblico con tanti gesti, smorfie, qualche suono e parole.

Biglietti in vendita al botteghino dalle ore 16.00. Per ulteriori informazioni 349.1504259
Leggi tutto...

Teatro Ragazzi - Fiabe Ritrovate

Domenica 23 Febbraio 2014 ore 17:30

Fontemaggiore, Perugia
fascia d’età: 3-10 anni
Biglietti in vendita presso il botteghino del teatro il giorno dello spettacolo dalle 15.30

Due uccelli dalle piume variopinte sono in missione per il loro re: ritrovare le fiabe originarie dell’Umbria. Il re degli uccelli possiede tutte le fiabe italiane tranne quelle umbre, perché sembra che in questa regione, stranamente, non ne siano mai state inventate. Così, dopo un lungo viaggio, finalmente arrivano in Umbria per iniziare la loro ricerca. Sono stanchi e affamati, preoccupati per le loro magnifiche piume che nel frattempo si sono un po’ sciupate e soprattutto, vanitosi e sciocchi come sono, non capiscono il senso della loro impresa. Per loro le fiabe non hanno alcun valore, sono sciocchezze che si raccontano ai bambini e credono che il loro re sia diventato un vecchio rincitrullito. Con immenso stupore dei due uccelli però, il viaggio attraverso le fiabe umbre si rivela ricco di grandi emozioni e dopo aver imparato cosa sono l’amore, il coraggio e la paura, fanno ritorno dal loro re, orgogliosi di potergli consegnare un grande tesoro.
Leggi tutto...

Il balcone di Golda

Il balcone di Golda è un monologo scritto da William Gibson, incentrato sulla vita della premier israeliana, Golda Meir, interpretata magnificamente da Paola Gassman.
Pertanto non appena il sipario si apre, vediamo un palcoscenico brullo e crudo, dove la Meir, seduta su di una sedia, rimembra le sue vicende passate, ormai anziana e claudicante.
Nonostante tutto, la Gassman riesce a rendere il palco dinamico ed efficiente, malgrado ci siano solamente due sedie ed un tavolo; infatti è capace di far immaginare al pubblico i luoghi più impensabili, che caratterizzarono la vita della Meir.
Inoltre, essendo questo uno dei monologhi più lunghi,  la rappresentazione della Gassman è stata poco tediosa ed assai coinvolgente; difatti l'attrice ci ha trasmesso l'idea di una donna comune, che per sopportare il grande peso del suo incarico, preponderante per l'equilibrio del paese, sopravvive con "sigarette e caffé"; trasportandoci nella dimensione quotidiana di quegli anni e suscitando emozioni per nulla piacevoli, eppure imprescindibili dalla piena comprensione della condizione umana e del valore di Golda Meir.
In conclusione l'opera è alquanto avvincente e conduce lo spettatore verso una riflessione non indifferente, su una delle questioni più importanti, il sionismo.
 
Leggi tutto...

L'uomo del destino

L'uomo del destino di Yasmina Reza, ci racconta, di un incontro quasi del tutto chimerico, tra un famoso scrittore, Paul Parsky, interpretato brillantemente da Orso Maria Guerrini e, una sua lettrice accanita, Martha, impersonata in modo altrettanto singolare da Cristina Sebastianelli.
L'opera, nella sua apparente semplicità, è stata rappresentata accuratamente, in quanto è riuscita ad emozionare il pubblico, ma soprattutto a trasmettere il messaggio perorato dall'autrice, in tutte le sue sfumature.
Personalmente ho compreso la fugacità della vita e di tutte le sue componenti con le quali entriamo in conflitto ogni giorno, non riuscendo ad "assaporarle" fino in fondo.
In conclusione questo spettacolo ci ha condotto verso una riflessione reale ancora aperta, alla quale solo il nostro "io" può dare una risposta.
Andrea Torosantucci 
Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS